Gruppi di auto aiuto

Cos’è un gruppo di auto aiuto?

I gruppi di auto – aiuto sono dei piccoli gruppi di persone e/o famiglie che condividono la stessa situazione di vita o le stesse difficoltà. Si costituiscono volontariamente per cercare di soddisfare un bisogno, superare un problema, ottenere un cambiamento in maniera reciproca. In questi gruppi la persona non viene identificata con il suo problema ma si considera, e viene considerata, una risorsa. In questo modo le singole esperienze vengono trasformate in risorse per tutti.

Quali sono gli obiettivi?

Lo scopo essenziale del gruppo di auto-aiuto è di dare, a persone che vivono in situazioni simili, l’opportunità di condividere le loro esperienze. Il gruppo auto-aiuto si basa sull’idea che la condivisione aiuti queste persone a mostrare l’uno all’altro come affrontare i problemi comuni. Incontrare persone che stanno attraversando gli stessi problemi o hanno trovato modi ottimali per affrontarli e gestirli aiuta:

• a liberarsi dal senso d’impotenza e sfiducia in se stessi che spesso si prova in queste situazioni;

• permette di trovare strategie concrete per affrontare tali difficoltà.

Il gruppo può offrire vari tipi di sostegno:

• scambio di informazioni;

• ascolto e supporto emotivo nei momenti di stanchezza e depressione;

• aiuto materiale: supporto reciproco sul piano concreto (per esempio: aiutarsi reciprocamente nell’accompagnare il familiare ammalato in Ospedale).

 

Che tipi di gruppi esistono?

 

Ci sono diversi tipi di gruppi di auto – aiuto:

• quelli formati da persone che condividono un handicap o una malattia;

• quelli costituiti da persone che vogliono cambiare un’abitudine o un comportamento;

• quelli organizzati da familiari di persone con gravi problemi (es.:disagio psichiatrico; malattie terminali);

• gruppi di persone che attraversano un periodo di crisi (un lutto, una separazione);

• gruppi di persone che attraversano un periodo positivo ma che cambia radicalmente le loro vite (es. nascita di un figlio);

• persone che devono affrontare una situazione o un cambiamento che influisce sulle loro identità (es. al menopausa, il pensionamento).

Come funziona?

Un gruppo è generalmente composto da una stretta cerchia di persone portatrici, direttamente o indirettamente, di un problema comune, aiutate da uno o due facilitatori. Durante le riunioni i componenti del gruppo espongono, discutono, ma soprattutto condividono le proprie esperienze. Le persone partecipano secondo la loro disponibilità portando le proprie storie di vita, ognuno con la propria soggettività, ascoltando e comunicando.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.


*